Menu
Biglietteria

Quali tartarughe marine nel Mediterraneo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

6 tartarughe marine sono presenti nel Mediterraneo

Il Mediterraneo ha 46.000 km di coste e copre 2,5 milioni di km2 , ovvero meno dell’1% della superficie totale dell’oceano. Ben noto come un hotspot di biodiversità globale, ospita sei delle sette specie di tartarughe marine.

La tartaruga Caretta caretta è la più comune, seguita dalla tartaruga verde Chelonia mydas e poi dalla tartaruga Dermochelys coriacea, nota per essere la tartaruga più grande del mondo.

La più rara tartaruga Kemp’s ridley Lepidochelys kempii e la tartaruga embricata Eretmochelys imbricata sono state viste solo poche volte nel Mediterraneo finora.

Nel 2014, una tartaruga spiaggiata è stata formalmente identificata in Spagna. Si tratta della tartaruga olivastra Lepidochelys olivacea.

Distribuzione geografica non uniforme

Le tartarughe Loggerhead, verdi e leatherback si trovano in tutto il Mediterraneo, ma la loro distribuzione non è uniforme a seconda della specie e del periodo dell’anno.

La testa di toro occupa tutto il bacino ma sembra essere più abbondante nella parte occidentale, dal Mare di Alboran alle Isole Baleari. Si trova anche al largo della Libia, dell’Egitto e della Turchia.

La tartaruga verde è concentrata più a est, nel bacino levantino. Si verifica anche nel mare Adriatico e più raramente nel Mediterraneo occidentale.

La tartaruga leatherback è osservata in mare aperto in tutto il bacino, con una presenza più marcata nel Mar Tirreno, nel Mar Egeo e intorno al Canale di Sicilia.

carte Mediterranee Tortues Marines

Solo due specie si riproducono nel Mediterraneo!

Le tartarughe verdi sono le uniche tartarughe che si riproducono nel Mediterraneo, principalmente nella parte orientale. Per la testa di toro, i siti si trovano in Grecia, Turchia, Libia, Tunisia, Cipro e Italia meridionale.

Negli ultimi anni, la deposizione delle uova è stata osservata nell’ovest del bacino, lungo la costa spagnola, in Catalogna, ma anche in Francia, in Corsica o nel Var!

Nel 2006, a Saint-Tropez, il nido di un loggerhead è stato purtroppo distrutto da una forte pioggia. A Fréjus, nel 2016, alcune nuove covate erano riuscite a raggiungere il mare grazie all’attento monitoraggio delle squadre della Rete francese delle tartarughe marine del Mediterraneo (RTMMF).

Nell’estate del 2020, due nuovi nidi a Fréjus e Saint-Aygulf hanno fatto notizia, soprattutto perché sono nate diverse decine di tartarughine!

Tortues en Méditerranée

Cosa dicono gli scienziati?

Da un punto di vista scientifico, è troppo presto per trarre conclusioni sul “perché” di queste frizioni.

Ci sono più femmine che nidificano in questa zona, la più settentrionale per i loggerheads per deporre le loro uova? C’è più pressione di conformità da parte degli utenti del mare? È una combinazione di diversi fenomeni?

È difficile da dire… Sembra abbastanza chiaro, tuttavia, che la società civile sta diventando più consapevole della presenza delle tartarughe e – si spera – più preoccupata per il futuro di questi fragili animali patrimonio.

Se le tartarughe vengono a deporre le uova sulle nostre spiagge, sta a noi dar loro spazio, creare meno disturbo di notte e adattare l’illuminazione della spiaggia che può dissuadere le femmine e disorientare i giovani.

Claire Harquet (Institut océanographique)

Le teste di legno a volte nascono lontano dalle nostre coste

Le analisi genetiche lo dimostrano: non tutti i loggerhead osservati nel Mediterraneo sono nati lì!

Circa la metà di loro sarebbe nata nell’Oceano Atlantico sulle coste della Florida, Georgia, Virginia o a Cabo Verde. Nascono su queste spiagge remote, entrano nel Mediterraneo attraverso lo stretto di Gibilterra per nutrirsi e, quando sono adulti, tornano sulla spiaggia dove sono nati nell’Atlantico per deporre le uova.

La situazione per le tartarughe verdi è diversa. Tutti quelli che vivono nel Mediterraneo sono nati lì. La loro popolazione è quindi geneticamente isolata, senza alcuna connessione con altre popolazioni di tartarughe verdi in altre parti del mondo.

Tortues en Méditerranée

Una presenza recente nel Mediterraneo

Fino alla fine dell’ultima grande era glaciale, 12.000 anni fa, le condizioni climatiche fredde del Mediterraneo non consentivano alle tartarughe marine di stabilirsi o nutrirsi, per non parlare della riproduzione .

L’incubazione delle uova è possibile solo se si mantiene una temperatura di 25°C per un minimo di 60 giorni. Fu solo quando le temperature si stabilizzarono a livelli vicini alla climatologia attuale che le tartarughe atlantiche, che erano rimaste in zone più calde durante l’era glaciale, furono in grado di colonizzare il Mediterraneo.

La loro presenza nel Mediterraneo è quindi – relativamente – recente.

Images_SW_illustration_(9)

Quante tartarughe ci sono nel Mediterraneo?

Questa è una domanda difficile a cui rispondere! Non esiste un modo tecnologico per contare tutte le tartarughe marine presenti in un’area marittima così grande, soprattutto perché questi grandi migranti si spostano costantemente da una zona all’altra.

Conoscere l’abbondanza delle tartarughe è una priorità nella ricerca scientifica volta a conservare le tartarughe marine nel Mediterraneo. Questa è una delle tante conclusioni del recente rapporto dell’IUCN, che fornisce anche alcune stime: ci sono tra 1,2 e 2,4 milioni di tartarughe loggerhead nel Mediterraneo e le tartarughe verdi sono stimate tra 262.000 e 1.300.000; gamme estremamente ampie a causa della difficoltà di condurre censimenti.

Mentre contare gli individui in mare è illusorio, è possibile monitorare il numero di femmine che vengono a deporre le uova, spiaggia per spiaggia, anno dopo anno. Quasi 2.000 esemplari vengono a terra per deporre le uova, principalmente nel bacino levantino (Grecia, Turchia, Cipro e Libia).

Buone notizie, il numero di frizioni sta aumentando! Su una ventina di siti di riferimento, la media annuale è aumentata da 3.693 nidi all’anno prima del 1999 a 4.667 dopo il 2000, un aumento di oltre il 26%! Lo stesso vale per le tartarughe verdi. In 7 siti di riferimento a Cipro e in Turchia, il numero medio annuale di nidi è aumentato da 683 a 1.005 tra prima del 1999 e dopo il 2000, cioè + 47%!

Queste tendenze molto positive dimostrano che gli sforzi di conservazione stanno pagando e meritano di essere continuati e ampliati.

Cosa dice l'IUCN sulle tartarughe mediterranee?

Questo nuovo rapporto getta nuova luce sui siti chiave di nidificazione, alimentazione e ibernazione delle tartarughe del Mediterraneo.

Propone anche una serie di raccomandazioni e azioni a livello di bacino per i gestori, i responsabili politici e il pubblico in generale.

Tortues en Méditerranée

Questo nuovo rapporto getta nuova luce sui siti chiave di nidificazione, alimentazione e ibernazione delle tartarughe del Mediterraneo.

Propone anche una serie di raccomandazioni e azioni a livello di bacino per i gestori, i responsabili politici e il pubblico in generale.

Le priorità includono:

  • Rafforzare il monitoraggio e la protezione delle aree di nidificazione
  • Conservare le aree prioritarie di alimentazione e di ibernazione (per esempio attraverso aree marine protette) e preservare i corridoi di migrazione stagionale
  • Ridurre le catture accessorie adattando le tecniche di pesca e formando i pescatori sul modo corretto di rilasciare gli esemplari catturati
  • Lotta contro tutte le forme di inquinamento
  • Rafforzare le reti di protezione coinvolgendo attivamente ogni attore della società (professionista del mare, pescatore, esperto di conservazione, ricercatore, decisore politico o semplice cittadino)
  • Migliorare la rete dei centri di salvataggio e di soccorso, che attualmente sono distribuiti in modo troppo disomogeneo e praticamente assenti dalle coste meridionali e orientali del Mediterraneo.
Ci sono balene nel Mediterraneo?
Confermato
Cosa sta facendo Monaco per il corallo?
Confermato
La cernia bruna scomparirà?
Confermato