Menu
Fai una
donazione

Ci sono balene nel Mediterraneo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

La risposta è sì! Diverse migliaia di balene si trovano nelle acque del Mediterraneo. Non è raro vedere il loro respiro in lontananza, quando si attraversa la Corsica, per esempio. Ma attenzione: le attività umane sono una fonte di disturbo per questi mammiferi giganti. È quindi molto importante fare tutto il possibile per preservare la loro tranquillità.

Ci sono quasi venti specie di mammiferi marini nel Mediterraneo, otto delle quali sono considerate comuni: capodogli e balene, naturalmente, ma anche delfini (comune, blu e bianco, Risso, tursiope), balene pilota e ziphiphius. Altre specie sono osservate molto occasionalmente come le balene minke, le orche, le megattere e molto recentemente una giovane balena grigia!

Capodoglio Physeter catodon

Baleen o denti?

Nel linguaggio comune, tendiamo a riferirci a tutti i grandi cetacei come “balene”. Tuttavia, solo le “balene con i fanoni” (mysticetes) sono veramente balene.

La balenottera comune (fino a 22 metri e 70 tonnellate) è il principale balenottero del Mediterraneo.

Ha a che fare con numerosi “cetacei dentati” (odontoceti), il più grande dei quali è il capodoglio (fino a 18 metri e 40 tonnellate).

Nonostante la sua imponente statura, non è una balena in senso stretto e appartiene allo stesso gruppo delle orche, dei delfini o delle balene pilota.

Un gigante dei mari

La balenottera comune è il secondo mammifero più grande del mondo, appena dietro la balenottera azzurra!

Anche se è ancora difficile valutare con precisione le dimensioni della sua popolazione (poiché gli individui sono costantemente in movimento e si immergono regolarmente), si stima che circa un migliaio di individui vivano nell’area protetta del Santuario Pelagos, che mira a proteggere i mammiferi marini del Mediterraneo occidentale su un vasto territorio che comprende acque francesi, italiane e monegasche.
La balena si nutre principalmente di krill, piccoli gamberi che intrappola in grandi quantità nelle sue placche balenifere.

Balenottera comune Balaenoptera physalus

Rischio di collisione

Le balene possono vivere fino a 80 anni, se la loro traiettoria non incontra quella delle navi veloci frequenti in estate, che sembrano trovare difficile da evitare quando respirano in superficie.

Come per i capodogli, le collisioni sono un pericolo reale e un rischio di mortalità provato. Da qui l’interesse a sviluppare tecniche in collaborazione con le compagnie di navigazione per informare le navi della presenza di cetacei in tempo reale, per dotare le navi di rilevatori e prevenire così le collisioni con questi grandi mammiferi.
Scopri le diverse specie di mammiferi marini nel Santuario Pelagos.

Balena franca Balaenoptera physalus
La cernia bruna scomparirà?
Confermato
Quali tartarughe marine nel Mediterraneo?
Confermato
Cosa sta facendo Monaco per il corallo?
Confermato