Menu
Biglietteria
Photo Thon mer

Il tonno rosso del Mediterraneo scomparirà?

Il tonno rosso è una delle specie ittiche di maggior valore commerciale. La gestione della pesca del tonno rosso è stata a lungo un simbolo della difficoltà della comunità internazionale a gestire in modo sostenibile questa risorsa rara e fragile.
I professionisti del settore e i gruppi di conservazione stanno cercando di organizzarsi per preservare gli stock.

Rifiutare una scomparsa programmata

La Commissione internazionale per la conservazione dei tonni dell’Atlantico (ICCAT), creata nel 1969, è riuscita a stabilire le prime quote di pesca nel 1998. Nonostante ciò, negli anni 2000, l’impennata della pesca eccessiva ha fatto temere che la specie sarebbe semplicemente scomparsa. Una forte mobilitazione internazionale è stata allora lanciata, sostenuta dal Principe Alberto II di Monaco e dalla sua Fondazione.
In collaborazione con il WWF, la Fondazione Principe Alberto II è così tra le prime organizzazioni a portare alla ribalta internazionale lo stato allarmante degli stock di tonno rosso nel Mediterraneo.

Thon pêche

Con l’associazione MC2D, ha convinto i ristoratori e i negozianti del Principato a non vendere più questo pesce, che è in via d’estinzione.
Insieme all’Istituto Oceanografico, aiuta a informare e a mobilitare il pubblico.

Potente lobbismo

Nel 2010, alla conferenza di Doha, il governo monegasco ha chiesto ufficialmente l’inserimento del tonno rosso nell’appendice I della CITES. Questa proposta mira a vietare il commercio internazionale della specie e a consolidare la pesca tradizionale sostenibile esistente. Tuttavia, la CITES ha infine votato contro questa proposta, sotto la pressione del Giappone.
Rappresentando l’80% del consumo mondiale di tonno rosso, il Giappone è davvero un potente lobbista. I dibattiti e la copertura mediatica internazionale di questo voto hanno comunque sensibilizzato tutti gli attori del settore.
Hanno promosso l’istituzione di una gestione efficace della pesca del tonno rosso. L’ICCAT sta abbassando le quote di pesca da 28.500 a 12.900 tonnellate all’anno, in linea con le raccomandazioni di scienziati e conservazionisti. Le quote sono anche più strettamente controllate dai paesi interessati.

Una speranza per gli stock di tonno rosso?

Grazie a questa impennata e a diversi anni favorevoli, le prime speranze di stabilizzazione e di recupero della popolazione di tonno rosso del Mediterraneo appaiono dal 2012. Nella sua riunione di novembre 2012, l’ICCAT ha deciso di seguire le raccomandazioni scientifiche e mantenere le quote al loro livello, al fine di confermare e consolidare questi primi segnali incoraggianti.
In effetti, questi indici di recupero dovrebbero essere trattati con cautela perché, come sottolinea il rapporto ICCAT 2012, “anche se la situazione è migliorata […], ci sono ancora incertezze sulla portata e la velocità dell’aumento della biomassa dei riproduttori”.

La cautela è all'ordine del giorno

Queste incertezze sono legate da un lato alla sottostima della pesca illegale, poiché l’ICCAT riconosce che le catture di tonno rosso sono state “gravemente sotto riportate” per almeno gli ultimi 15 anni; dall’altro, la mancanza di conoscenza dei modelli di migrazione del tonno rosso non permette una buona valutazione degli stock.

Migliorare la tracciabilità delle catture di tonno rosso nei prossimi anni rimane quindi una sfida importante. Dal 2008, il WWF, sostenuto dalla Fondazione Principe Alberto II di Monaco, lavora per far progredire le conoscenze sulla pesca illegale e la valutazione degli stock.
Per esempio, il WWF ha incoraggiato l’ICCAT a introdurre un documento elettronico di cattura del tonno rosso nel 2013 per facilitare la tracciabilità delle catture.

Thon peché

Come possiamo proteggere gli squali, che sono trattati come catture accessorie?

Tuttavia, la portata del lavoro dell’ICCAT rimane limitata. Alcune misure di protezione riguardano anche il pesce spada, ma gli squali rimangono esclusivamente trattati come catture accessorie nella pesca del tonno. Varie specie di squali sono minacciate dalla pesca, in particolare nel Mediterraneo. Questa situazione è stata riconosciuta nella primavera del 2013 dalla CITES. L’inclusione di cinque nuove specie di squali nell’Appendice II della CITES rende il commercio internazionale di queste specie soggetto a garanzie di sostenibilità degli stock pescati. Tuttavia, gli squali cominciano ad essere presi in considerazione. Alcune misure di gestione sono applicate nelle acque dell’Atlantico, in particolare per gli squali smeriglio e alcune specie particolarmente vulnerabili. La Norvegia ha proposto di considerare l’aggiunta degli squali alla lista delle specie gestite dall’ICCAT. Tuttavia, questo richiederà una volontà comune di tutti i paesi membri, il che rimane improbabile.

Requins Marteaux

Tonno rosso, futuro simbolo della buona gestione collettiva?

Come specie fragile, il tonno rosso potrebbe essere trasformato da un simbolo di saccheggio delle risorse a uno di buona gestione collettiva e condivisa basata sulla scienza.

C’è stato un buon slancio negli ultimi anni, quando la situazione era critica. Tuttavia, dovrà essere confermato sia dall’evoluzione delle quote per promuovere la ricostituzione degli stock sia dalla capacità dell’ICCAT di estendere la sua azione ad altre specie minacciate.

Questo modello di gestione piuttosto costoso ha la sfida di consolidarsi e applicarsi ad altre specie di minor valore commerciale. Infatti, anche gli stock di altri grandi predatori sono in declino.

Come rispondere al
richiesta?

Oltre alla gestione degli stock e alla tracciabilità delle catture, che sono questioni importanti per l’ICCAT, altre iniziative per il futuro del tonno rosso meritano di essere evidenziate.

La campagna di comunicazione “Tonno rosso, una storia per il futuro” e l’etichetta “Tonno rosso, pesca artigianale” sono state lanciate nel 2012 e sostenute dal Ministero dell’Ambiente francese.
Evidenziano il ritorno del tonno rosso sul mercato come un pesce “sostenibile” quando è pescato in modo sostenibile. Inoltre, alcuni progetti scientifici europei e giapponesi di “acquacoltura sostenibile” mirano alla “domesticazione” del tonno rosso: .

La riproduzione e la crescita completa di questa specie in cattività avrebbe il vantaggio di evitare il prelievo di giovani tonni rossi selvatici come è stata a lungo la pratica per l’ingrasso.

Thon

I limiti dell'acquacoltura

Tuttavia, l’acquacoltura del tonno rosso, praticata da più di 30 anni in Giappone (Università Kinki), non è redditizia. Poco amato dai consumatori giapponesi, i suoi prodotti sono spesso destinati all’esportazione verso Taiwan o gli Stati Uniti.

In ogni caso, c’è anche la questione dell’allevamento di grandi predatori che hanno bisogno di molto pesce per prosperare. I salmoni d’allevamento hanno già bisogno di 4 kg di “pesce da alimentazione” per crescere essi stessi di 1 kg. Il tonno rosso consuma 11 kg di pesce per guadagnare 1 kg! Un modello insostenibile, i cui limiti si possono misurare facendo un parallelo con l’allevamento di tigri o lupi per il nostro consumo: questo riassume bene il modo in cui si è sviluppato il gusto dell’uomo per gli animali marini mentre pensava che le risorse marine fossero infinite.

Oggi, sarebbe più interessante dal punto di vista economico ed ecologico lasciare che lo stock selvatico si riprenda e sviluppare una pesca rigorosamente sostenibile.

Thon Filet de pêche

Motivi di speranza

In conclusione, le ultime osservazioni sull’evoluzione della popolazione del tonno rosso sembrano incoraggianti. Tuttavia, bisognerà aspettare per confermare l’effettivo recupero delle scorte, che è previsto intorno al 2022. Una nuova valutazione della popolazione di tonno rosso del Mediterraneo sarà effettuata nel 2014. Aiuterà a monitorare i progressi effettivi e a informare le decisioni sulle quote nei prossimi anni.

Nel frattempo, la prudenza rimane all’ordine del giorno e molti sforzi devono essere fatti per migliorare la qualità e l’affidabilità dei dati, per combattere la pesca illegale, per tenere conto delle catture accessorie e della tracciabilità e, soprattutto, per sostenere lo sviluppo della pesca artigianale sostenibile.

Perché il tonno rosso è così ricercato?
Confermato
Come vengono gestiti gli stock di tonno rosso?
Esperto
Come si cattura il tonno rosso?
Esperto
Il tonno rosso è minacciato dalla pesca eccessiva?
Confermato
Cos’è il tonno rosso?
Confermato
Esiste il tonno rosso di acquacoltura?
Esperto
Si può mangiare il tonno rosso?
Esperto
Quanto è grande e pesante il tonno rosso?
Principiante
Qual è l’importanza economica del tonno?
Esperto