Consumo sostenibile

una guida al rispetto dell'oceano

Se gestito correttamente, l’oceano può svolgere un ruolo importante nell’approvvigionamento alimentare mondiale, specialmente attraverso l’aumento della produzione dell’acquacoltura e, in misura minore, della produzione tradizionale della pesca di cattura.

Il consumo sostenibile non solo proteggerà l’oceano e le sue risorse, ma migliorerà anche la sua resilienza al cambiamento climatico e alla perdita di biodiversità.

... per salvare il nostro pianeta, per cambiare un sistema che lo sta distruggendo poco a poco, dovremo Abbiamo bisogno di tutte le idee, di tutte le volontà, di tutti i mezzi che possono essere mobilitati. Dovremo moltiplicare le iniziative, dalle più riservate alle più globali, dalle più classiche alle più innovative. E dovremo fare tutto il possibile per convincere questo mondo a cambiare con noi. Questo è il nostro destino oggi, il destino delle nostre generazioni: prendere di petto questi problemi, salvare questo pianeta prima che sia troppo tardi. Questa è la nostra responsabilità ed è il motivo per cui siamo qui.

S.A.S. le Prince Albert II de Monaco, Düsseldorf, janvier 2017
Consommation durable 2

Perché il consumo di pesce è al centro delle questioni di sviluppo sostenibile?

Di importanza cruciale per gran parte dell’umanità, il pesce fornisce il 17% delle proteine animali consumate nel mondo (7% per tutte le proteine, vegetali e animali), fornisce 60 milioni di posti di lavoro diretti nel settore primario della pesca e dell’acquacoltura (rispettivamente 40 e 20 milioni di posti di lavoro), e crea un valore totale di prima vendita di quasi 400 miliardi di dollari.

Più di 3 miliardi di persone dipendono dalla biodiversità marina e costiera per il loro sostentamento.

Pesce e frutti di mare

Il termine “pesce” copre una vasta gamma di organismi viventi in acqua dolce e salata, tra cui pesci, crostacei, molluschi e altri animali acquatici; questa è la definizione usata qui; esclude alghe, piante marine e mammiferi acquatici.

Le specie marine consumate dall’uomo sono di una varietà straordinaria e talvolta inaspettata, pesci ossei, razze, squali, granchi, gamberi, aragoste, molluschi cefalopodi, bivalvi o gasteropodi, ricci di mare, cetrioli, ascidie (viole), ma anche stelle marine, anemoni e meduse!

Poissons sur un étal

Mangiamo "più" o "meno" pesce di prima?

Ogni “landlubber” consuma ormai in media 20,5 kg di pesce all’anno, con forti disparità regionali. La Malesia e il Giappone sono in testa (rispettivamente quasi 60 kg e 47 kg/abitante/anno), l’Unione europea (UE 28) è vicina alla media mondiale, con circa 24 kg*.

In mezzo secolo, il consumo è esploso (era solo 9 kg nel 1960!)! Questo è il risultato dell’effetto combinato dell’aumento dell’offerta (dalla pesca e dall’acquacoltura), della domanda globale legata alla demografia e all’aumento dei redditi, e del progresso tecnico che permette una riduzione degli sprechi, grazie in particolare alla refrigerazione dei prodotti, al migliore utilizzo delle risorse e al miglioramento dei canali di distribuzione.

Si stima che nel 2018 la produzione mondiale avrà raggiunto 179 milioni di tonnellate*, di cui quasi il 90% sarà (156 milioni di tonnellate) per il consumo umano diretto; il resto (22 milioni di tonnellate) è dedicato ad usi non alimentari (farina di pesce e olio di pesce), soprattutto per il bestiame. Le cifre sono molto chiare: dagli anni 1990, le catture in mare sono stagnanti e rimangono ad un plateau di meno di 100 milioni di tonnellate, in contrasto con la produzione di acquacoltura in espansione completa.

Continueremo a consumarli nei prossimi decenni?

La tendenza per i prossimi anni è addirittura in aumento, con 200 milioni di tonnellate previste per il 2030! L’acquacoltura continuerà la sua progressione iniziata negli anni ’80, poiché fornirà il 59% del consumo globale di pesce!

Come sappiamo oggi, l’oceano e le sue risorse necessarie per le attività di pesca e acquacoltura non sono infinite (come ci hanno fatto credere per decenni) e gli effetti della pesca hanno un impatto significativo sugli ecosistemi. La comunità internazionale lo ha capito e la posta in gioco è colossale. La pesca e l’acquacoltura sostenibili sono ora più che mai al centro delle strategie di sviluppo. Il cantiere è titanico.

Qual è lo stato delle risorse marine?

Sono nel complesso in pessima forma. A livello globale, il 34% degli stock ittici è attualmente sfruttato in modo insostenibile. Il 66% è considerato un raccolto sostenibile (a rendimento massimo o sotto-sfruttato). Quest’ultima cifra è fuorviante, la percentuale di stock ittici “sfruttati” a livelli biologicamente sostenibili era del 90% quarant’anni fa!

A causa della pesca eccessiva, lo spazio di manovra si riduce ogni anno. Catture in mare hanno ristagnato negli ultimi 40 anni. Anche con l’aumento dello sforzo di pesca, l’oceano non è in grado di offrire di più.

Se ragioniamo in termini di quantità sbarcate e non più in termini di “stock”, quasi l’80% (78,7%) esattamente) delle catture provengono da stock biologicamente sostenibili. 2 kg di pesce su 10 continuano ad essere stock biologicamente insostenibili.

Consumando prodotti della pesca e dell'acquacoltura non sostenibili, noi contribuiamo alla scomparsa della biodiversità

Indebolendo le popolazioni di specie desiderabili e causando anche danni collaterali a molti ecosistemi, la pesca e le cattive pratiche contribuiscono alla perdita (o addirittura al collasso) della biodiversità. Questa è una delle conclusioni dell’ultimo rapporto della Piattaforma intergovernativa sulla protezione dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile (IPBES). Circa 1 milione di specie animali e vegetali sono minacciate di estinzione, soprattutto nei prossimi decenni, qualcosa che non è mai successo prima nella storia dell’uomo.

Per gli ecosistemi terrestri e d’acqua dolce, lo “sfruttamento diretto degli organismi e delle risorse” è uno dei cinque motori diretti della perdita di biodiversità, dietro ai “cambiamenti d’uso (della terra e del mare)”, davanti al “cambiamento climatico”, all'”inquinamento” e alle “specie aliene invasive (invasivi)”.

Gli impatti della pesca e delle cattive pratiche sugli ecosistemi e le specie marine sono molti e vari, e tutti noi contribuiamo ad essi senza a volte nemmeno saperlo! Molte delle popolazioni animali bersaglio della pesca sono impoverite e non si riprendono necessariamente anche quando la pesca viene chiusa in modo permanente. Spariscono, puramente e semplicemente.
semplicemente.

Il merluzzo (Gadus morhua), che ha nutrito generazioni di persone, non è mai tornato a Terranova. La sua scomparsa ha talmente alterato l’ecosistema da non essere più in grado di sostenerlo nuovamente. La storia potrebbe ripetersi per molte specie e il punto di non ritorno potrebbe essere raggiunto di nuovo.

Predatori d’alto mare come il pesce spada, il marlin, gli squali e il tonno, apprezzati per la loro carne e le loro pinne, stanno scomparendo dall’oceano. Gli squali oceanici (Carcharhinus longimanus) o i mako (Isurus oxyrhinchus e I. paucus) stanno diventando molto rari. Lo squalo angelo, un tempo così abbondante sulla costa della Costa Azzurra, e che ha dato il suo nome alla Baia degli Angeli, è quasi scomparso dal Mediterraneo. Lo squalo bianco, le razze chitarra seguono le sue orme! Eppure questi predatori svolgono un ruolo importante nella regolazione degli ecosistemi! Sappiamo che la loro scomparsa sta cominciando a causare effetti a cascata*.

pêche poissons

Quindi quali sono le soluzioni?

Le soluzioni per conciliare i nostri bisogni e la conservazione dell’oceano richiedono un consumo responsabile (sostenibile) delle risorse del pianeta e naturalmente delle risorse marine. Ma cos’è esattamente un prodotto ittico sostenibile?

La “sostenibilità” copre aspetti molteplici e complessi, di natura ambientale, sanitaria, economica, sociale, etica e culturale, una complessità che costituisce un ostacolo ad una buona comprensione della posta in gioco e al processo decisionale e che impone di guidare il cittadino e il decisore nelle loro scelte!

Gli scienziati stanno ancora lavorando sulla definizione dei criteri di sostenibilità, che li porta a proporre una sintesi dettagliata * delle dimensioni, dei criteri e degli indicatori delle flotte da pesca francesi.

Attraverso le varie fasi della sua catena del valore (chiamata anche “ciclo di vita”), dal produzione (per cattura o allevamento), consumo e smaltimento/riciclaggio, fino a lavorazione, trasporto, distribuzione, il pesce che mangiamo genera impatti su l’ambiente. La nozione di sostenibilità è legata alla natura e all’intensità di questi impatti studiati da scienziati ma anche ai criteri di accettabilità adottati dalla società.

Per valutare la sostenibilità di ogni anello della catena del valore e del prodotto finale, è necessario poter contare su un punto di riferimento che, schematicamente, prende la forma del “ritratto-robot del pesce sostenibile».

Profilo del pesce sostenibile

Il pesce sostenibile ideale è quello che (ma non limitato a) :

  • Preservare la risorsa (stock/popolazioni) e l’integrità dell’ambiente marino (qualità dell’acqua, habitat, funzionamento dell’ecosistema),
  • Non partecipare alla pesca illegale,
  • Non inquina ed evita lo spreco di risorse (acqua, energia, materie prime), che fa parte di una dinamica di economia circolare e partecipa alla Blue Economy,
  • Limita le emissioni di gas a effetto serra e non contribuisce al cambiamento climatico (i cortocircuiti sono una buona soluzione),
  • Assicura un reddito decente ed equo ai lavoratori e agli attori del settore, rispetta la dignità delle persone, naturalmente non ricorre a forme moderne di schiavitù, rispetta le comunità costiere,
  • Assicura il benessere dei pesci o li fa soffrire il meno possibile (nei recinti di allevamento, manipolazione, macellazione),
  • È sano e nutriente, ha buone qualità organolettiche,
  • Fornisce informazioni affidabili che “tracciano” il prodotto (dice al consumatore esattamente cosa sta mangiando, da dove viene, come è stato prodotto), sviluppa un rapporto di fiducia tra i diversi livelli (produttore, grossisti, distributori, trasformatori, venditore, ristoratore, acquirente, consumatore)
Mérou brun M.Dagnino

Leggi di più

- Corallo, un tesoro da preservare

Questo libro offre un panorama delle conoscenze attuali in compagnia di coloro che, in tutto il mondo, stanno lavorando per capire meglio questi gioielli e si impegnano per la loro conservazione.

- Immersione, immersione sulla grande barriera corallina

Con “Immersion”, il Museo Oceanografico di Monaco propone un’immersione virtuale e interattiva sulla Grande Barriera Corallina, per incontrare le specie emblematiche che la abitano e la megafauna.

- Coralli fluorescenti

Un dipinto dai toni quasi irreali, al Museo Oceanografico, i visitatori possono scoprire e godere di questo raro spettacolo.