Come agisce Monaco a favore del tonno rosso?

Dal 2008 e sotto l’impulso di S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco e della sua Fondazione, il Principato di Monaco ha mobilitato le sue forze per allertare l’opinione mondiale e tentare di salvaguardare questo grande uccello migratore emblematico del Mediterraneo.


Il tonno rosso è così potente, eppure così vulnerabile agli interessi finanziari che genera. Dalla sua creazione, la Fondazione Principe Alberto II di Monaco ha lavorato per la salvaguardia della specie e ha fatto sì che Monaco fosse il primo Stato a chiedere la protezione internazionale di questa specie. Grazie all'azione politica del Principato e alla ripercussione mondiale che ha avuto, le quote proposte dagli scienziati sono state rispettate e gli stock hanno cominciato a consolidarsi. Questo pesce emblematico del Mediterraneo è quindi rappresentativo del potere dell'uomo di regolare la pesca per garantire uno stock sostenibile e la sopravvivenza di una specie. Anche se la situazione del tonno rosso sembra iniziare a riprendersi nel Mediterraneo, la specie è ancora vulnerabile. È quindi essenziale rimanere cauti e vigili, combattere la pesca illegale e assicurarsi che i consigli degli scienziati siano sempre seguiti, anche se differiscono dagli interessi economici. La "lotta" non è mai vinta e il ricordo dell'uomo svanisce di fronte al guadagno, dobbiamo continuare i nostri sforzi affinché questo signore dell'oceano continui a popolare il nostro bel Mediterraneo.

Philippe Mondielli, Directeur scientifique de la Fondation Prince Albert II de Monaco
MySushi Camion préservation thon rouge

Una moratoria per dare l'esempio

Nel 2008, una moratoria sul consumo di tonno rosso dell’Atlantico orientale e del Mediterraneo, avviata dal
Fondazione Principe Alberto II
e l’Associazione monegasca per lo sviluppo sostenibile (MC2D), è stata creata nel Principato, in collaborazione con ristoranti, rivenditori e supermercati. Grazie a questo consenso nazionale senza precedenti, il Principato dà l’esempio: il tonno rosso non è più in vendita a Monaco, nemmeno nei ristoranti di sushi!

Il tentativo di elencazione CITES muove l'ago

Nel 2009, al 15Alla sessione della Conferenza delle Parti a Doha (Qatar) nel marzo 2010, il Principato (insieme alla Francia) ha lanciato una procedura di iscrizione nell’appendice I della CITES che, se adottata, avrebbe avuto l’effetto di vietare il commercio internazionale di tonno rosso.Atlantico orientale e Mediterraneo. Anche se non adottata, la proposta ha sensibilizzato l’opinione pubblica mondiale ben oltre i confini di Monaco e ha contribuito alla decisione dell’ICCAT di ridurre le quote di pesca.

Dal 2011 al 2019, Monaco sospende le catture (pesca professionale e ricreativa) nelle acque sotto la giurisdizione nazionale.

Le thon rouge de Méditerranée
Maquette thon M. Dagnino
Grand moulage à taille réelle, en partie naturalisé (avec quelques vraies parties du squelette), réalisé à partir d’un spécimen de 100 kg capturé au Cap Bon et exposé au Musée océanographique dès 1929 (©Michel Dagnino)

Dalla scienza alla consapevolezza del consumatore...

Dal 2008, in collaborazione con il WWF, La Fondazione Principe Alberto II sostiene numerosi programmi che mirano alla gestione sostenibile e a lungo termine delle popolazioni (e non più alla ricostituzione temporanea degli stock) seguendo diverse linee di lavoro: comprendere i movimenti e il comportamento di questa grande specie migratrice per conoscere meglio gli stock e definire quote ragionevoli, preservare le zone di riproduzione (zone di deposizione delle uova) grazie a santuari in alto mare o altre zone marine protette, lottare contro la pesca illegale, sviluppare tecniche di pesca e abitudini di consumo responsabili (grazie a Mr.Goodfish ), favoriscono la pesca artigianale e locale.

La Fondazione sostiene anche un
Programma di marcatura del tonno rosso
da radiofari satellitari in collaborazione con il

Federazione di pesca marittima di Monte Carlo
o

nel santuario
Pelagos
un’area in cui esistono pochissimi dati. I dati sono trasmessi all’ICCAT e contribuiscono alla stima degli stock e alla determinazione delle quote per garantire una pesca sostenibile del tonno rosso.

Facendo eco alle azioni dei suoi partner nel Principato, l’Istituto Oceanografico utilizza l’esempio del tonno rosso per informare e mobilitare il grande pubblico sulle sfide della pesca globale e sulla scomparsa dei grandi predatori marini. Il professor François Doumenge, eminente specialista del tonno rosso e direttore del Museo Oceanografico dal 1989 al 2001, ha pubblicato numerose opere scientifiche e divulgative sull’argomento, tra cui “
La storia della pesca del tonno
“nel 1998. L’argomento è oggetto di conferenze come “Bluefin Tuna: History of Overfishing and Recovery”.

Timbre Thon Rouge