Cassetta degli attrezzi degli squali
proteggere dagli attacchi

Gli esperti di squali si incontrano al Museo Oceanografico

Nel 2013 e 2014, sotto l’impulso e la presidenza di S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco, l’Istituto Oceanografico ha organizzato due workshop internazionali di esperti sugli squali.

Grazie ad uno scambio appassionato e costruttivo tra specialisti, Living with sharks , è stato creato un toolbox per affrontare il rischio squali . Il suo obiettivo? Riunire in un unico dossier le soluzioni esistenti al mondo per proteggersi dagli attacchi degli squali, mettendo in prospettiva la realtà dei rischi incorsi dall’uomo.

Incontri internazionali sui problemi degli squali

Scienziati, ingegneri e manager di Australia, Sudafrica, Brasile e Stati Uniti hanno discusso le soluzioni attuate nei loro paesi dove gli squali frequentano le coste.

Andando oltre l’impasse del confronto tra uomo e animale, lo Shark Toolbox fornisce una panoramica delle soluzioni esistenti, o in fase di sviluppo, per affrontare il rischio di attacchi di squali.

Lontano dall’idea di sterminare tutti gli squali dagli oceani, queste discussioni dimostrano che una convivenza organizzata e pacifica con gli squali è oggi possibile.

Requin boite à outils
Requins BAO

Rischio molto basso di attacco mortale

Il rischio di un attacco mortale di squali è estremamente basso in tutto il mondo: solo una decina registrati all’anno.

Questo è piccolo rispetto ai rischi associati agli sport o ad altri animali come le zanzare che uccidono più di 800.000 persone ogni anno.

Solo cinque delle quasi 500 specie di squali rappresentano un pericolo per l’uomo a causa delle loro grandi dimensioni e della loro dieta. La maggior parte degli incidenti sono causati da grandi squali bianchi, squali toro e squali tigre, che passano spesso vicino alla costa.

Nonostante il basso numero di incidenti, ogni attacco riceve molta esposizione mediatica e offusca la reputazione degli squali.

Un database internazionale sugli attacchi di squali

Rispetto ad altre specie considerate pericolose per l’uomo, gli attacchi e le morti attribuiti agli squali di tutti i tipi sono estremamente ben documentati.

Lanciato nel 1958, l’International Shark Attack File (ISAF) è l’unico database al mondo completo e scientificamente documentato di tutti gli attacchi di squali conosciuti. Ora contiene più di 6.500 indagini individuali che coprono il periodo dall’inizio del 1500 ai giorni nostri.

Requins ISAF

11 fogli con soluzioni concrete

Ci sono soluzioni al rischio degli squali. 11 schede presentano numerose iniziative di vari luoghi del mondo noti per gli attacchi di squali agli esseri umani.

Informazione, meteo sugli squali, ricerca e avvertimento, sorveglianza degli squali, avvisatori di squali, rete di separazione, repellente individuale, droni e intelligenza artificiale, boa di rilevamento, barriera per squali e cavo radiante sono le 11 soluzioni discusse nello Shark Toolbox.

Non esiste una soluzione unica e trasponibile e il sistema scelto deve essere adattato alla situazione locale secondo la geografia, le specie presenti e le loro abitudini, ma anche il contesto sociale.

Requin BAO

En choisissant de consacrer aux seigneurs des mers une grande exposition, et plus largement un cycle de conférences, des colloques et un ouvrage de vulgarisation, l’Institut océanographique souhaite inviter le public à dépasser des stéréotypes bien ancrés, pour partir à la rencontre de ces super-prédateurs, bien plus menacés que menaçants"

Robert Calcagno, directeur de l'Institut océanographique

Per permettere una buona convivenza tra l'uomo e lo squalo

Oggi esistono soluzioni innovative per affrontare il rischio degli squali senza sterminarli.

Dobbiamo ricordare che questi animali sono essenziali per la salute e la resilienza dell’oceano.

Vedi anche

couverture du livre sur les méduses - Institut océanographique

Edizioni

Mapping Buyle

Esplorazioni di Monaco

Albert Ier sur passerelle - Institut Océanographique de Monaco

Le grandi figure